venerdì 29 giugno 2012

Ciao Germanasca.

Il "vecchio" progetto della centrale idroelettrica di Perrero, che sembrava defunto, è improvvisamente tornato alla ribalta. È di questi giorni la notizia che l'ENEL ha predisposto il progetto definitivo e che nei prossimi mesi gli enti locali e la provincia dovranno esaminarlo ed esprimere le loro valutazioni. Tale progetto sembrava già in fase attuativa all'inizio del 2000; poi forse gli eventi alluvionali e i periodi siccitosi ne avevano frenato l'iter. Il comitato "Chisone-Germanasca" che allora si era attivamente impegnato nell'informazione e nella contestazione ai livelli istituzionali (Comunità Montana, Provincia e Regione) aveva sollevato criticità tali da indurre i proponenti a ridefinire il progetto. Ora ritorna con poche variazioni; nella sostanza il futuro del torrente Germanasca di Salza-Massello, Prali e Rio Faetto si presenta pessimo. Sarà garantito (se lo sarà!) il d.m.v. (deflusso minimo vitale), ovvero lo stato comatoso e fogna a cielo aperto, specialmente a valle del capoluogo di Perrero. Intanto le amministrazioni interessate tacciono. Viene da interpretare questo silenzio come: "intanto non siamo noi a decidere". E la cittadinanza come vede la vicenda?

Alleghiamo alcuni dati sulla centrale :
Maggiori informazioni le potete trovare qui sul sito della provincia di Torino

- Progetto: Enel Green Power
- Costruzione: sul torrente Germanasca + affluenti
- Area di bacino: 143,9 Kmq
- Salto 340 m
- Potenza 28,8 Mw
- Prod. media 66,6 Gwh/anno sottende in parte: Ribbe, Chiotti Sup., imp. (fermo) Tessore

04.planimetria (formato pdf 1,0 MB)

Sono previste n. 4 opere di presa nelle seguenti zone:

- sotto la confluenza del t. Germanasca di Massello con quello di Salsa 
- t. Germanasca
- rio Crosetto
- rio Balma a Perrero (a monte dei Linsard – Valle di Faetto)

Il collegamento delle opere di presa con il serbatoio di carico avviene tramite:
- 8 Km galleria diam. 3,5 m

Sono poi previste le seguenti opere:
- una vasca di carico
- 700 m condotta forzata, diam. 1,60/1,70 m (zona Maisette), salto 341 m (Trossieri, dx orografica t. Germanasca)
- 700 m condotta scarico
- opere 

Opere in parte interrate, altre con materiali adatti all'ambiente montano. Riprende il progetto: “Enel Power 2002”

Tempo realizzo previsto: 3,5 anni

Costo previsto 44,3 milioni di € + canone statale 240.000 € + 65.000 € (Provincia e comuni interessati) + 258.000 € BIM (Bacino imbrifero montano) + IMU (Perrero).


4 commenti:

  1. questa è pura follia

    RispondiElimina
  2. Cosa intendi dire?

    RispondiElimina
  3. Intendo dire che non si trovano due soldi per mettere in sicurezza tutte le frane di quella strada e tenere un manto stradale decente, però se si tratta di colare cemento, scavare mega gallerie(8km vogliono anche dire centinaia di cammion che fanno avanti indietro carichi di terra e rocce da portar via.. e vai con l'inquinamento!) e ridurre tutti quegli splendidi torrenti in fossi senz'acqua ecco pronti una cinquantina di milioni per riempire la valle di cantieri che dureranno anni stravolgendo completamente l'aspetto fluviale e idrogeologico di un piccolo gioiello di valle che sarebbe solo da salvaguardare e tutelare, IMHO.

    RispondiElimina
  4. un altro fiume che restera' senza acqua :-(
    nessun rispetto per l' ittiofauna

    RispondiElimina